Nuovi marcatori e bersagli terapeutici per malattie autoimmuni e tumori

Il laboratorio è focalizzato su progetti di ricerca traslazionale inerenti malattie autoimmuni e cancro

La nostra attività è principalmente legata all’identificazione e alla validazione di nuovi marcatori proteici per diagnosi, prognosi e predizione di risposta alle terapie nelle patologie di interesse. Inoltre, siamo interessati alla selezione e caratterizzazione di nuovi bersagli molecolari per lo sviluppo di terapie innovative. Due dei nostri principali studi sono descritti di seguito.

Artrite reumatoide sieronegativa.

L’artrite infiammatoria cronica, come l’artrite reumatoide (AR) e le forme connesse (spondiloartrite, artrite giovanile) sono malattie autoimmuni che colpiscono circa il 2% della popolazione generale. Hanno un decorso cronico con diverso grado di aggressività e, se non tempestivamente diagnosticate e gestita, possono danneggiare le giunzioni articolari causando gravi disabilità. La diagnosi è basata su evidenze cliniche, dati forniti da immagini radiologiche, e sul riconoscimento di marcatori sierici, tra cui il fattore reumatoide (RF) e gli anticorpi contro peptidi citrullinati (ACPA). Tuttavia, attualmente non esistono marcatori sensibili per valutare l’efficacia dei trattamenti farmacologici. Inoltre, una frazione significativa dei pazienti è negativa per RF o ACPA (artrite sieronegativa) rendendo più difficile la diagnosi della malattia e ritardando la terapia. L’obiettivo principale del nostro studio è identificare e validare nuovi marcatori sierici per la diagnosi dell’ artrite sieronegativa. Un secondo obiettivo è selezionare potenziali bersagli molecolari per lo sviluppo di nuove terapie e per contribuire alla conoscenza dei meccanismi alla base della patologia.

Nuovi bersagli molecolari per l’immunoterapia dei tumori.

Nei pazienti oncologici, la risposta immunitaria anti-tumorale è in genere soppressa da specifici pathways (“checkpoint” immunologici), da citochine e da un sottoinsieme di linfociti inibitori infiltranti i tumori chiamati cellule T regolatrici (cellule Treg). I farmaci diretti contro i “checkpoint” immunologici (ad esempio anticorpi monoclonali anti-CTLA4, PD-1 / PD-L1) in grado di riattivare la risposta immunitaria stanno emergendo nella terapia di molti tumori. Tuttavia, i farmaci ad oggi approvati provocano gravi effetti indesiderati, tipici di patologie autoimmunitarie, probabilmente causati da una depressione generale del sistema immunitario. Sebbene gli steroidi possano essere usati per trattare queste reazioni, la loro azione immunosoppressiva può compromettere l’efficacia del trattamento anti-tumorale. Questi effetti indesiderati potrebbero essere superati dall’uso di farmaci più selettivi per cellule Treg infiltranti i tumori, rispetto a linfociti non infiltranti e periferici. Ad esempio, anticorpi monoclonali diretti contro proteine sovra-espresse nelle cellule Treg infiltranti, in grado di sopprimere specificamente questa popolazione cellulare, potrebbero deprimere la risposta immunitaria nell’area della lesione umorale, minimizzando gli effetti tossici del trattamento.
In continuità con gli studi di trascrittomica condotti presso l’INGM (Massimiliano Pagani e Sergio Abrignani), il nostro gruppo è interessato a caratterizzare e selezionare proteine sovra-espresse in cellule Treg infiltranti i tumori dotate di attività immuno-modulatoria, pertanto idonee allo sviluppo di anticorpi monoclonali terapeutici.

Progetti

  • Identificazione e validazione di nuovi marcatori per l’artrite reumatoide seronegativa.
  • Identificazione e validazione di nuovi marcatori per le malattie autoimmuni del fegato
  • Caratterizzazione di un nuovo bersaglio molecolare per il tumore del colon-retto e del pancreas
  • Caratterizzazione di nuovi bersagli proteici sovra-espressi in cellule T regolatorie infiltranti i tumori per lo sviluppo di anticorpi monoclonali terapeutici

Team

Nome / NameRuolo / RoleEmail
Susanna CampagnoliLaboratory Techniciancampagnoli@ingm.org
Mauro Bombaci, PhDStaff Scientistbombaci@ingm.org
Manuele Martinelli, PhDSenior Post Docmartinelli@ingm.org
Elisa Pesce, PhD
Post Docpesce@ingm.org

Pubblicazioni

INGM RESEARCH IS SUPPORTED BY